Spazi Cre-Attivi

Cre-Attivi Spazi è il progetto a cui l’Istituto scolastico paritario “Sabinianum” ha dato avvio per una “rivoluzione gentile” degli spazi di apprendimento.

Il punto di partenza: cambiare per rimanere coerenti alla propria mission di scuola

Il ‘fare scuola’ oggi significa mettere in relazione la complessità di modi radicalmente nuovi di apprendimento con un’opera quotidiana di guida, attenta al metodo, ai nuovi media e alla ricerca multi-dimensionale.

La definizione e la realizzazione delle strategie educative e didattiche devono sempre tener conto della singolarità e complessità di ogni persona, della sua articolata identità, delle sue aspirazioni, capacità e delle sue fragilità, nelle varie fasi di sviluppo e di formazione.

“La scuola si deve costruire come luogo accogliente, coinvolgendo in questo compito gli studenti stessi. Sono, infatti, importanti le condizioni che favoriscono lo star bene a scuola, al fine di ottenere la partecipazione più ampia dei bambini e degli adolescenti a un progetto educativo condiviso.

L’organizzazione degli spazi e dei tempi diventa elemento di qualità pedagogica dell’ambiente educativo e pertanto deve essere oggetto di esplicita progettazione e verifica” (dalle Indicazioni per il Curricolo della Scuola dell’Infanzia e del Primo Ciclo d’Istruzione).

Il modello di riferimento e la progettazione

L’équipe docenti guidata dal Dirigente scolastico ha analizzato il modello proposto da un gruppo di ricerca dell’Indire (Istituto Nazionale Documentazione Innovazione Ricerca Educativa), modello che si basa su molteplici livelli di analisi e propone una visione che si discosta dall’idea di scuola come somma di aule per estendersi, oltre la dimensione didattica, al contesto sociale influenzando la qualità delle relazioni (modello Indire degli 1+4 spazi educativi per il nuovo millennio).

Da questo studio preliminare è nato il progetto Cre-Attivi Spazi che ha cercato di adattare il modello teorico alla nostra realtà scolastica.

Oltre alle ricadute di natura didattica, il progetto pone l’accento sull’ambiente di apprendimento sotto aspetti diversi ma complementari: l’aspetto del benessere e della qualità della vita dei bambini e dei ragazzi e la cura del senso estetico.

Luoghi confortevoli, colorati e accoglienti contribuiscono a rendere piacevole lo stare a scuola e a fare di uno spazio asettico un luogo vissuto.

Gli spazi cre-attivi:
spazio di gruppo + 4 spazi complementari

SPAZIO DI GRUPPO

Luogo in cui i gruppi di studenti si raccolgono e costruiscono la propria identità: favorisce sia la concentrazione del singolo che la collaborazione e il lavoro di gruppo. Un ambiente a spazi flessibili in continuità con gli altri ambienti della scuola.

AGORÀ

È il simbolo della scuola come momento di condivisione e di scambio reciproco sia nei momenti di accoglienza del mattino che per le attività nel pomeriggio, luogo di incontro della comunità scolastica, la piazza della scuola dove condividere temi e discutere.
La ruota, simbolo dello spazio richiama la circolarità delle idee, l’incontro dei singoli (raggi), la dinamicità delle relazioni.

SPAZIO INDIVIDUALE

Ambiente dove il bambino/il ragazzo ha la possibilità di leggere, riflettere e riordinare le idee utilizzando le diverse dotazioni tecnologiche. Un “ambiente personale” che si apre a forme di apprendimento informale. Si sviluppano competenze legate alla responsabilizzazione individuale e alla gestione autonoma del proprio tempo.
Lo specchio è il simbolo dello spazio e richiama l’immergersi dentro di sé per scoprire le proprie qualità, il guardarsi e il riconoscere la propria unicità.

SPAZIO DI ESPLORAZIONE

Spazio della scoperta e dell’esplorazione del mondo, luogo pensato per imparare facendo. Gli studenti sviluppano competenze per risolvere problemi, osservano fenomeni con strumenti dedicati, applicano strategie di intervento,
si abituano ad analizzare e descrivere gli esiti delle loro sperimentazioni.

SPAZIO ESPRESSIVITÀ

Spazio che offre l’opportunità di sviluppare al meglio la creatività del singolo alunno, attraverso attività musicali, tecnico-artistiche e teatrali.